Contributo soggiorno ROMA : PRECISAZIONI

INTERPELLO AL COMUNE DI ROMA CAPITALE 

per il contributo di Soggiorno nelle locazioni turistiche 

 

Il responsabile dell'Area Tecnica di ANBBA ha rivolto al Comune di Roma Capitale un interpello in relazione  al pagamento della tassa o contributo di soggiorno a seguito del fatto che sul proprio portale,  in particolare nell'area relativa alla comunicazione delle Locazioni Turistiche o affitti brevi , da qualche giorno compare in fondo agli step degli adempimenti procedurali , la dicitura  AVVERTENZA che riportiamo in copia. 

A detto interpello l'ufficio preposto ha così risposto :

 

 

 

Con l’entrata in vigore del nuovo Regolamento per il contributo di soggiorno – 21 aprile 2018 – di cui alla Deliberazione dell’Assemblea Capitolina n° 32 del 30/03/2018, vengono inserite, tra le tipologie soggette al versamento del contributo di soggiorno, gli immobili destinati alle locazioni per uso turistico, che riguardano privati che affittano appartamenti, o parte di essi, nonché tutte le tipologie di affitto non imprenditoriale, inferiore ai 30 giorni, le cosiddette locazioni brevi.

Nel caso di alloggio ad uso turistico, a gestione diretta, si dovrà:

-comunicare al Dipartimento del Turismo l’inizio della propria attività di locazione ad uso turistico breve (max 30 giorni);

-iscriversi al portale di Roma Capitale;

-incassare il contributo di soggiorno pari ad € 3,50 a pernottamento per ogni ospite, rilasciando ricevuta di pagamento;

-comunicare, entro il 16° giorno del mese successivo ad ogni trimestre lavorato, il numero degli ospiti accolti;

-riversare, on line, le somme incassate tramite portale di Roma Capitale.

Pertanto, il  titolare dell’attività di cui trattasi, è il soggetto obbligato nei confronti di questo Ente alla riscossione del Contributo di cui trattasi, con conseguente obbligo di riversamento delle somme incassate, seconde le modalità sopra specificate.

Riguardo, invece, l’eventuale accordo con intermediario, quale AIR BNB, occorrerà che lo stesso intermediario dichiari la propria disponibilità a riscuotere e riversare gli importi derivanti dal contributo di soggiorno.

Poichè ad oggi, nessun intermediario si è dichiarato disponibile ad effettuare dette operazioni contabili, da stabilirsi anche d’intesa con Roma Capitale, gli adempimenti previsti dal Regolamento in materia devono essere assolti dal titolare

 

Infine, per quanto riguarda la presentazione del modello 21, per gli alloggi ad uso turistico, non dovrà essere presentato.

 

Data: 24/10/2019