Salerno Approvato il Regolamento sui B&B

30/09/2019

Ultimissime da Salerno

La Signora Rosa Lo Tito, nostra inviata per assistere alla odierna seduta del Consiglio comunale,  ci comunica che nella seduta di oggi , 30 settembre , è passato il Regolamento sui B&B  che ha stabilito un fermo di 90 giorni  dell'attività nell'arco dell'anno con un meccanismo di comunicazione preventiva , ma con la possibilità di poter  inviare nell'arco dell'anno , variazioni tramite PEC purchè , alla fine dell'esercizio,  il periodo di chiusura risulti comunque pari a 90 giorni.  Era molto meglio che questo fermo si fosse limitato a soli 60 giorni data la vocazione turistica che sta assumendo sempre più la città , ma è stato deliberato così. La cosa però molto grave , a nostro avviso,  è quella che  un  Comune deliberi , con questi tipi di regolamento , le chiusure dei B&B surrogandosi alla propria Regione  , che a sua volta , come è avvenuto già in altre  , che lo hanno fatto  , surrogandosi allo Stato  (vedi Lombardia) stabilendo fermi di uguale periodo. E' lo Stato che deve stabilire quali siano i termini entro i quali viene sancito il concetto di saltuarietà per non essere imprenditori .  Questa  norma infatti , non è stata ancora definita  nemmeno nel 2017 con il famoso DL 50 , convertito poi con la Legge 96 .   che si occupò delle locazioni turistiche . Entro 90 giorni sarebbero dovuti essere emanati regolamenti in proposito (Articolo 4 - comma 3-bis) . Quanto è avvenuto a Salerno , ribadiamo ,   è grave,  in quanto ,  questi precedenti potrebbero indurre decine e decine di comuni a fare altrettanto creando disparità operative che nocciono al mercato  che potrebbero indurre  il   GARANTE  della CONCORRENZA a censurare queste delibere.

 

 

 

Cosa stà succedendo a Salerno – B&B in rivolta !!!

Non bastano le Leggi Regionali in materia che regolamentano le attività ricettive extra-alberghiere , ora ci mettono anche i Comuni a creare paletti ed a  emanare regolamenti  surrogandosi a quello che magari le Regioni , e non solo le Regioni,   ma addirittura lo Stato , non fanno . Questa situazione è ormai endemica e sta avvenendo da anni,  infatti molte sono le cose non fatte o fatte a metà che hanno creato un abusivismo dilagante,  per non parlare dell’evasione fiscale.

Con il  Governo (che ora non è più)  furono fatti notevoli passi avanti ,  ora però tutto sembra cambiato e quello che era stato già definito svanirà nel nulla ? .

-         Prima opera  incompiuta :  la creazione di un Codice identificativo nazionale   per tutte le strutture ricettive , efficace strumento con il quale  si sarebbe cercato di eliminare una larghissima parte dell’evasione fiscale generata  dalle strutture irregolari , (infatti chi è senza codice e si promo-commercializza sui portali è perseguito subito e multato pesantemente) . Altra incompiuta:  la Legge delega al Governo sul Turismo , cosa importantissima  per dare un segnale forte e importante al settore per una cabina di regia nazionale e un maggiore coordinamento  fra le leggi dello Stato e quelle delle Regioni per arrivare a procedure standardizzate  uguali per tutto il territorio nazionale.

In questo quadro di stallo generale che si è creato con la nascita di un nuovo esecutivo, ( i cui programmi sembrano prendere strade diverse)   si inseriscono ora anche i Comuni  che  con semplici delibere  cercano in qualche modo di  sopperire all’inerzia di  Stato  e Regioni . Nello specifico parliamo del Comune di Salerno  che ha in ponte l’approvazione  di un vero e proprio  Regolamento  per le attività di B&B  che stabilisca a priori i termini della saltuarietà imponendo per i B&B un fermo di 90 giorni all’anno , (vale a dire 3 mesi) - Per la cronaca ricordiamo che  la Regione  Lazio (qui si parla di Regione e non di Comune,  in quanto  a nostro  avviso queste regole le devono fare le Regioni e non i Comuni)    stabilì , a suo tempo un fermo di 120 giorni , termine che fu sonoramente bocciato dal TAR dopo il ricorso promosso da ANBBA che  con una  Sentenza   annullò addirittura il termine  imponendo la riformulazione dell’articolo del regolamento. Ci vollero  giorni e giorni ed un nuovo ricorso di ANBBA ad adempiere per costringere la Regione alla modifica e il legislatore regionale preferì non stabilire alcun  periodo di chiusura. Infatti le  modifiche apportate  non  prevedono più alcun fermo lasciando al cittadino gestore della struttura stessa la dimostrazione della saltuarietà , per non incorrere nel fatto che,  per effetto delle leggi nazionali,   SIA CONSIDERATO IMPRENDITORE.  Il consiglio che ANBBA da  al Comune di Salerno è quello di soprassedere a porre questi limiti  , magari di sollecitare la Regione a farlo restando nell’alveo di una pausa più consona alle necessità  operative che la  Campania ha con le sue attrattività turistiche. I suoi flussi turistici infatti,    nell’arco dell’anno registrano pochi rallentamenti anche nei periodi considerati  di bassa stagione.

La notizia che ci sorprende di più è il fatto che sulla stampa locale appaiano articoli allarmanti che disorientano gli addetti ai lavori,  in particolare si fa riferimento a quella pubblicata su “La Città quotidiano di Salerno e provincia” (https://www.lacittadisalerno.it/cronaca/accoglienza-e-b-b-ecco-il-regolamento-aperti-solo-9-mesi-1.2298191 )  , nella pagina dedicata a turismo e servizi , che dopo avere ampiamente illustrato cosa in sintesi vuole fare il Comune  per regolamentare i B&B  , conclude con una notizia a dir poco assurda in cui si legge di un cambio di destinazione che dovrebbero avere i B&B  (forse nella categoria alberghiera ? ) , mentre le case vacanze no. Da ciò si deduce che forse il giornalista che ha scritto l’articolo  ha preso un abbaglio oppure gli  è stato dato questo  suggerimento che  ha preferito seguire  invece di informarsi che “ i B&B  sono  strutture ricettive extra-alberghiere  definite da tutte le Leggi regionali d’italia:   attività ricettive  nell’ambito familiare  che si esercitano nelle civili abitazioni senza cambio di destinazione d’uso. “

 

Cesare Gherardi

Vice Presidente  ANBBA

 

 

 

________________

 

  

Data: 30/09/2019