Decreto sicurezza bis – Importanti novità per le strutture ricettive e le locazioni Turistiche

 

Sergio Lombardi scrive

 

APPROVATO IL DECRETO SICUREZZA BIS: ALLOGGIATI WEB

 

Dell'incessante riforma del turismo fa parte anche una norma presente nel Decreto Sicurezza bis, appena approvato definitivamente con la fiducia  al Governo , dal Senato in data 5 agosto u.s. Nel ddl Sicurezza bis viene indicato in 6 ore il termine per la registrazione degli ospiti che soggiornano meno di 24 ore

L'art. 109, comma 3 del TULPS avrà ora questa nuova formulazione:

"Entro le ventiquattro ore successive all'arrivo, e comunque entro le sei ore successive all’arrivo,  nel caso di soggiorni non superiori alle ventiquattro ore,  i soggetti di cui al comma 1 (strutture ricettive e locazioni turistiche) comunicano alle questure territorialmente competenti, avvalendosi di mezzi informatici o telematici o mediante fax, le generalità delle persone alloggiate"

Il decreto prevede 90 giorni per l'introduzione della modifica:

"Le disposizioni di cui al comma 1 entrano in vigore il novantesimo giorno successivo alla data della pubblicazione del decreto di cui al comma 1-bis nella Gazzetta Ufficiale."

***********

Commento di ANBBA – Ci resta di difficile comprensione lo scopo di questo emendamento che è stato introdotto a seguito di due specifiche richieste fatte da Federalberghi in sede di audizione in  sede della Commissione parlamentare,  il cui testo recitava così :

1) definire "un termine congruo e ragionevole, chiaro ed univoco, entro il quale effettuare la comunicazione e consentendo che tale comunicazione venga effettuata mediante collegamento diretto tra i sistemi gestionali aziendali e il portale del Ministero dell’Interno”.

2) “differire di qualche mese l’entrata in vigore della normativa, per dare al Ministero dell’Interno il tempo necessario per aggiornare le procedure di acquisizione telematica dei dati e consentire il collegamento diretto ed automatico tra il cervellone del Viminale e gli alberghi”.

Sicuramente Federalberghi voleva che quanto richiesto fosse rivolto solo alle Locazioni Turistiche, ma a quanto sembra  “per par condicio”  il testo approvato appare molto chiaro in quanto parla di  strutture ricettive e locazioni turistiche e nelle strutture ricettive rientrano a pieno titolo anche gli alberghi.

 

Evidenza: evidenza

Data: 06/08/2019