La pietra tombale sulle Locazioni turistiche ed i B&B, NON PASSERA’ !!!

 

Svegliamoci tutti altrimenti dovremo riprenderci i ns diritti con le proteste di piazza.

Un settore in crescita definitivamente cancellato da gli Albergatori e Tour Operator

 

GLI EMENDAMENTI  al DDL di Bilancio 2018 che PENALIZZANO  i B&B e le Locazioni Turistiche –
Grave colpo alle libertà e all’economia -
 
 
Se gli emendamenti di cui andiamo ad elencare e commentare  venissero accolti dal Senato per l’approvazione definitiva della Legge di Bilancio , per poi passare al via definitivo della camera dei deputati, i gestori di B&B,  già oberati di mille incombenze,  diventerebbero tutti imprenditori  con partita IVA (Emendamento all’articolo 33 con introduzione dell’Art. 33ter)  e anche se ovviamente , come stabilito da precedenti leggi optassero per il regime dei minimi , aumenterebbero per  le incombenze burocratiche che deriverebbero da questa eventuale norme prettamente fiscale. Non è con queste regole che si combatte l’abusivismo .  noi di ANBA ,  nel recente incontro con il Sottosegretari al Turismo Alessandra Pesce e al MISE Andrea Cioffi avevamo proposto che tutte le attività extra-alberghiere,  attualmente senza partita IVA , fossero sottoposte al regime fiscale della  cedolare secca che tenesse conto delle spese con un aliquota che non superiore al 18% - Questo avrebbe fatto incassare molte tasse alla stato e avrebbe contribuito al debellare quasi totalmente l’abusivismo , il tutto poi , se accompagnato da quanto il Ministro Centinaio ha recentemente dichiarato al TTG di Rimini , cioè l’istituzione obbligatoria a tutte le strutture extra-alberghiere del CIR (Codice Identificativo Riferimento) come in Lombardia , condizione sine qua non per promo-commercializzarsi sui portali , si  sarebbe stata trovata la quadra per abusivismo ed evasione fiscale.
Questo EMENDAMENTO se approvato va contro tutto questo e non è altro che uno strumento per cancellare le attività di B&B che tanto preme ai nostri COMPETITOR  che da  mattina e sera ci combattono. La cosa che ci meraviglia molto è che questo governo che si pone come governo del cambiamento compia atti così incongruenti e contrari anche alle leggi e trattai europei che sono improntati alla  liberalizzazione delle attività e dei servizi.
Per le Locazioni turistiche l’emendamento che modificherebbe l’articolo 33 con l’introduzione dell’Art. 33bis è la più grave violazione dei nostri principi costituzionali e legislativi in materia anche di recente stabiliti ben definiti anche nel  DL 50/2017 (convertito con la legge 96/2017 )  . Far diventare imprenditori coloro che affittano per meno di 8 giorni il proprio appartamento , oltre a incentivare l’abusivismo , sarebbe una norma DELETERIA per il fisco in quanto,  si ricordi colui che ha proposto l’emendamento,  che da queste  locazioni il fisco prende un bel 21% di cedolare secca sul lordo percepito . Si ricordi il Senatore della Repubblica che i Comuni, sempre per effetto del DL 50/2017 hanno la facoltà di istituire su queste locazioni la Tassa o Contributo di soggiorno , e Roma lo ha fatto anche se con circa un’anno di ritardo e riscuote 3,5 euro a notte a persona che non sono poche e che , per effetto di queste limitazioni,  gli Host sparirebbero quasi totalmente con grave danno erariale sia  per lo stato che per i comuni.Impedire la libertà ai proprietari o possessori di appartamenti le locazioni turistiche o affitti brevi costituirebbe di fatto una grave violazione delle fondamentali regole di uno stato liberale.
Noi non smetteremo mai di batterci per questo per tutelare l’extra-alberghiero , le famiglie, e i proprietari e tutti coloro che credono nella democrazia e in questo stato che diventa sempre meno ILLIBERALE.
Faccio appello a tutte le Associazioni che sono presenti in Italia ad unirsi a noi in questa lotta democratica e giusta,  i numeri fanno la forza, non opprimiamo il settore valido supporto all’economia  italiana,  che ora più che mai , ha bisogno di risollevarsi per affrontare il futuro a testa alta nel contesto europeo e internazionale.
 

Marco Piscopo

Presidente ANBBA  

 

 

_______________________________

 

Abbiamo creato una pagina su cui sono pubblicate tutte le notizie, commenti e proteste raccolte sia sul web che sui social

clicca qui  

 

Evidenza: evidenza

Data: 16/12/2018