Lombardia : rimandato all'1 novembre 2018 l'obbligo del CIR - Codice identificativo regionale per promo-commercializzarsi sui portali - E nuove norme per le comunicazioni di avvio di attività

 

 

Novità per le CAV  sia non imprenditoriali che imprenditoriali in Lombardia

 

 

Per la serie "come ti complico le cose semplici". In previsione  dell’applicazione del CIR che , come comunicato entrerà in vigore il primo  novembre 2018,   è stato deliberato (vedi  quanto riportato in calce )   che le comunicazioni di avvio di attività di CAV,  sia imprenditoriali che non,  vanno fatte singole , appartamento per appartamento,  e quindi se il privato dovrà gestire tre appartamenti dovrà fare tre invii e se una società ne ha per esempio da denunciare dieci , dovrà fare 10 invii.

Dal sito Fare Impresa di Milano città metropolitana

Ogni attivazione di un’unità ricettiva  CAV, così come la variazione in aumento di un’ unità ricettiva aggiuntiva da parte del già  titolare di una CAV,  comportano la compilazione e presentazione di una nuova Comunicazione di Inizio Attività.

Anche le CAV imprenditoriali sono tenute a presentare una Comunicazione per ogni unità ricettiva, in luogo di comunicazioni cumulative.

N.B. A seguito dell’entrata in vigore della L. R. LOMBARDIA 25/01/2018, n. 7 “Integrazione alla legge regionale 1° ottobre 2015, n. 27 (Politiche regionali in materia di turismo e attrattività del territorio lombardo) , nonché della Deliberazione di Giunta n. XI/280 del 28/06/2018 (vedi sezione “Riferimenti di legge”)  è prevista l’attribuzione di un univoco Codice Identificativo Regionale (CIR) a ciascuna delle unità immobiliari, o porzione delle stesse, adibita a Case ed Appartamenti per Vacanze (CAV).

A tutte le CAV il CIR verrà rilasciato in automatico, in esito alla procedura di accreditamento - obbligatoria per i titolari di CAV - al portale web regionale denominato “Turismo 5”, predisposto per la gestione, a fini statistici, dei flussi turistici. Il portale web regionale è raggiungibile tramite il seguente link: https://www.flussituristici.servizirl.it/Turismo5/ .Sul portale web regionale “Turismo 5” sono disponibili le relative FAQ, utili per meglio conoscere le modalità di accreditamento e di utilizzo delle funzioni del sistema. Questo il link alle pagine di FAQ: https://www.flussituristici.servizirl.it/Turismo5/res/FAQ.pdf(Va precisato che l’acquisizione del CIR costituisce il passaggio conclusivo di un percorso amministrativo che le strutture interessate intraprendono – di norma – presentando originariamente al Suap la propria comunicazione di inizio dell’attività; la comunicazione al Suap, da questo successivamente veicolata a Città Metropolitana, rappresenta l’atto prodromico necessario per ricevere le credenziali utili all’accreditamento presso il portale web regionale “Turismo 5”)

Si ricorda che a partire dal 1° novembre 2018 il CIR deve essere riportato in tutte le comunicazioni che pubblicizzino la struttura interessata con qualsiasi mezzo, cartaceo o digitale. L’omissione rispetto a tale obbligo comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria, commisurata da un minimo di € 500 ad un massimo edittale di € 2.500, per ogni attività pubblicizzata, promossa o commercializzata. (art. 39, comma 3-bis, Legge regionale 27/2015).

 

 

RINVIO CIR

 

 

La Lombardia prende tempo

Il CIR  (Codice Identificativo Regionale) – (Tanto discusso per i suoi contenuti di possibile incostituzionalità - Già presentati innumerevoli ricorsi )  

Prorogata l’entrata in vigore dal 1 settembre al 1 novembre 2018

 

Legge regionale 10 agosto 2018 - n. 12

Art. 20 (Modifica all’art. 2 della l.r. 7/2018) 1. Al comma 2, dell’articolo 2, della legge regionale 25 gennaio 2018, n. 7 (Integrazione alla legge regionale 1 ottobre 2015, n.  27 ‘Politiche regionali in materia di turismo e attrattività del territorio lombardo’. Istituzione del codice identificativo da assegnare a case e appartamenti per vacanze) le parole «1° settembre 2018» sono sostituite dalle seguenti: «1° novembre 2018».

Data: 18/09/2018