La Toscana approva la Legge sul Turismo !!! Non si placano le proteste

retch: inherit; line-height: 45.6px; font-family: Arial; vertical-align: baseline; color: #ff0000; text-decoration: none; letter-spacing: normal; orphans: 2; text-indent: 0px; text-transfor

Paesaggio toscano

_______________________________________________________________________________________________________________

Turismo si cambia, la Toscana ha una nuova legge

Approvato in Consiglio regionale il testo unico che detta nuove regole per il comparto che in vale il 7 per cento del Pil regionale

Guarda il video del servzio di Dario Pagli 

 

                                                      

 
_______________________________________________________________________________________________________________

 

Accolte quasi tutte le proposte di ANBBA che ha giocato un ruolo chiave per il buon esisto della Legge.
Resta aperto il problema della gestione delle  Case Vacanze non imprenditoriali 
che speriamo venga risolto dal Regolamento di attuazione. 
Si rafforza il ruolo fondamentale dei Comuni nella promozione turistica e lo sviluppo delle piccole strutture ricettive 
e del ruolo dei  B&B. 
_______________________________________________________________________________________________________________

 

Toscana, approvata la legge sul turismo

da La nazione on-line

Una legge che tutelerà i lavoratori e farà emergere il sommerso. Queste le linee guida del Testo Unico sul Turismo approvato oggi in Regione Toscana. Un documento chiave in un settore tra i più strategici per la Toscana. 

 

Da una parte - ha detto il presidente della Toscana Enrico Rossi - vogliamo semplificare ed eliminato tutta una serie di vincoli per consentire alle imprese di non restare ingabbiate in regole assurde. Dall'altra proviamo ad entrare in un mondo vastissimo, con 90 milioni di presenze l'anno, metà delle quali legata agli alloggi turistici, lato oscuro di un settore che vorremmo rilevare e tracciare, ma anche regolamentare". "La rendita non può essere massimizzata all'infinito, sappiamo che è importante ma vogliamo trasformare questo guadagno in impresa, qualificata e moderna. Se vogliamo lanciare il turismo in Toscana dobbiamo compiere questo passaggio. E discutere sul tipo di turismo che vogliamo: un turismo qualificato o a forte impatto, come sta accadendo nelle maggior i città d'arte?"

«Le principali novità – ha spiegato il consigliere regionale del Pd Gianni Anselmi presentando la proposta di legge in Aula - riguardano la governance e le imprese. Per quanto riguarda il governo del turismo abbiamo previsto che saranno i comuni a gestire l’informazione e l’accoglienza sovracomunale in maniera associata all’interno di ambiti territoriali omogenei che individueremo, in tempi brevi, con una specifica legge regionale, come ad esempio il Chianti, la Maremma, l'Elba e l'Arcipelago, la Versilia o la Costa degli Etruschi. L’obiettivo è anche spingere la cooperazione tra i comuni anche non contigui legati da medesimi tratti identitari, come nel caso dei prodotti territoriali omogenei (comuni termali, terre etrusche, via Francigena). La promozione del turismo sarà invece esclusivamente a carico di Toscana Promozione. Dal punto di vista delle imprese turistiche abbiamo riportato la possibilità di sviluppare Bed & breakfast anche in forma non imprenditoriale con la condizione vincolante che il titolare sia domiciliato e residente nella struttura. Abbiamo poi introdotto nuove tipologie di strutture ricettive quali i “Marina Resort”, i “Condhotel” ed i “Camping Village”, superando alcune rigidità che riguardavano i campeggi ed i villaggi turistici, ampliando la possibilità di presenza di strutture tipo bungalow".

Di diverso parere il Movimento Cinque Stelle: "“Siamo all’ennesimo atto incostituzionale promosso dalla giunta con un iter d’urgenza incomprensibile, visto il tema. La Toscana aveva bisogno di una buona legge di sistema, ma il Pd ha sprecato l’ennesima occasione utile. Ci chiediamo se l’impugnazione governativa arriverà prima o dopo capodanno. Quando una Regione si mette a definire aspetti come cosa sia un imprenditore, viene da chiedersi se sia più l’ignoranza di diritto costituzionale o l’arroganza di voler mettere l’ennesima bandierina, inutile per i cittadini, nella bacheca delle cose fatte” così i consiglieri regionali M5S.

 

 

_____________________________________________________________

Il testo ufficiale sarà scaricabile in Area Soci non appena pubblicato nel  Bollettino Regionale 

 

 

Evidenza: evidenza

Data: 17/12/2016